6 consigli per i freelancer su come gestire il tempo

Condividi questo articolo

SPOILER: Questo articolo non vi darà “una soluzione giusta per tutti”.

I guru, persone umane al 100% ma semidei nei comportamenti, sono praticamente ovunque. Anche se non vi siete mai rivolti direttamente a loro, loro sanno cosa state passando e sono disposti a condividere con voi i loro segreti per vincere la frustrazione. Gratis. 

Sono una persona scettica, oltretutto non mi fido delle persone che dicono di conoscermi, dato che a malapena conosco me stessa. E poi mi piace sfatare i miti. Com’è possibile che una soluzione sia ideale per tutti? Gli esseri umani sono creature complesse, e se è molto improbabile che due gemelli abbiano la stessa personalità come può avvenire tra persone ancora più diverse fra loro?

È chiaro, ci sono delle sensazioni che tutti i freelancer provano prima o poi nel loro percorso, anche più volte. Frustrazione, paura, senso di inadeguatezza, e così via. C’è una cosa in particolare che tutti noi abbiamo in comune: l’imprevedibilità.

Non siamo delle macchine prodotte in massa, abbiamo una nostra personalità unica. Prima comprendiamo la nostra natura e prima possiamo imparare a gestire meglio il tempo e le capacità.

Ecco perché vi dico che la formula speciale per il successo non esiste. Ma esistono dei buoni metodi che possono aiutare o essere di ispirazione per crearne di propri. Ecco 6 consigli che spero vi aiuteranno a trovare la strada nel mondo del lavoro freelance.

  1. ASCOLTATEVI. Io sono mattiniera, ma so che alcune persone rendono meglio nel pomeriggio o addirittura la sera. Una delle gioie del lavoro freelance è la possibilità di organizzarsi la giornata. Quando riuscite, seguite le vostre necessità e non sforzatevi di fare qualcosa che non è urgente se non siete dell’umore giusto.

  2. IMPARATE AD ACCETTARE I VOSTRI LIMITI. Siamo continuamente bombardati di messaggi positivi, che ci esortano a superare i nostri limiti e ad affrontare continuamente sfide per esprimere il meglio di noi stessi. Sebbene la perseveranza e la determinazione siano due capisaldi nella mia vita, penso che ognuno di noi abbia dei limiti, e ammetterlo è il primo passo per raggiungere la serenità. Inoltre, non trovo che sia una cosa negativa: vi permette di migliorare ancora di più ciò che sapete già fare bene.

  3. PRETENDETE DA VOI STESSI CIÒ CHE POTETE RAGGIUNGERE. Imporvi di essere bravi in tutto ciò che fate e/o acquisire migliaia di competenze non è di aiuto. E lo stesso discorso vale per quando vi imponete di raggiungere grandi risultati in momenti difficili: non fatelo. Non potete sempre avere il pieno controllo di tutto (questo lo ripeto spesso a me stessa). Fatevi i complimenti per l’impegno che ci state mettendo.
listen more to yourself
Foto di Brett Jordan su Unsplash

4. CREATE UNA ROUTINE FLESSIBILE. Essere freelancer significa avere la responsabilità di ogni aspetto della propria attività, dall’aspetto finanziario a quello promozionale, dallo svolgimento del vostro lavoro effettivo a dedicare del tempo all’aggiornamento professionale. Sapete che le cose da fare sono tante, ma senza un programma è difficile mantenere la concentrazione. Il mio consiglio è quello di creare una routine flessibile: ogni giorno stabilite le cose che dovete fare e quelle che vi piacerebbe fare, ma non imponetevi orari stringenti. La cosa che conta di più è la qualità del tempo dedicato a un’attività, non la quantità.

 

5. STABILITE QUANTE ORE LAVORARE OGNI GIORNO. Un vantaggio del lavoro freelance è che si può decidere quante ore lavorare ogni giorno. Spesso lavoro al computer anche per 10 ore di fila: sono sicura che questa immagine sia familiare a chiunque di voi è abituato a lavorare in urgenza. Il lavoro è lavoro, ma la vostra salute fisica e mentale non è meno importante. Sarò ripetitiva, ma questo è importante: ascoltatevi. Quando non c’è nulla di urgente che dovete fare, lavorate meno ore e concedetevi un po’ di riposo.

6. PIANIFICATE. Anche se non tutti i freelancer sono creativi per natura, a tutti serve un po’ di creatività e di ispirazione di tanto in tanto. I cv, il portfolio, le presentazioni e i post efficaci non si scrivono da soli. Non cercate l’ispirazione tutti i giorni, ma ogni volta in cui vi sentite ispirati annotate subito le vostre idee e approfittate del flusso creativo di quel momento. Vi aiuterà a risparmiare tempo in seguito e ad avere sempre una carta da giocare nei momenti pieni o quando non siete dell’umore giusto.


Condividi questo articolo

LASCIA UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *